Arione e i delfini


Questo mito parla di un poeta e figlio del dio del mare, di nome Arione. Viveva nell'isola di Lesbo, era diventato famoso perchè suonava molto bene uno strumento: la lira. Un giorno Arione s'imbarcò per raggiungere Corinto, portando con sé una discreta quantità di monete, pietre preziose ed anche il suo strumento musicale. Durante questo viaggio venne assalito da alcuni manigoldi che lo volevano derubare e gettare in mare. Arione chiese loro di poter suonare per l'ultima volta la sua lira, mentre suonava anche i delfini erano venuti in superficie. La nave era circondata da decine di cetacei, amici dell’uomo, che si lasciavano cullare dalle onde al ritmo della melodia di Arione. Fece notare un marinaio che Arione era scappato sul dorso di un delfino ed arrivato fino alla costa del Peloponneso. Poco tempo dopo, a Corinto, il re Periandro ascoltò il racconto della sua avventura . La nave dei pirati qualche giorno dopo fu trovata nel mar Egeo e i manigoldi che ne formavano l’equipaggio furono portati a Corinto e severamente puniti. Arione restò ospite di Periandro per cinque anni, deliziando con la sua lira sia il sovrano sia la gente della città.

external image File?id=dzhq8cd_8hbxzkgcj_b




























Bazzanella Giada I D