Atalanta
un eroe al femminile..
Atalanta nasce in Grecia. Il padre, re Iaso, attendeva un figlio maschio e quando gli portarono Atalanta non volle neppure vederla.


external image File?id=dzhq8cd_10f3zdptkr_b
Quella stessa notte la fece portare nei boschi del Partenio (monte della Grecia, in Arcadia) e li venne abbandonata. Il giorno dopo quando il sole splendeva alto sul piccolo regno di Iaso gli abitanti videro un'aquila volteggiare nel cielo con un drappo tra gli artigli. Tutti pensarono che il crudele rapace avesse rapito la piccola Atalanta strappandola alla sua culla. Non sapevano che un'orsa alle prime luci dell'alba l'aveva trovata nei boschi piangente ed affamata e l'aveva portata nella sua caverna, lasciando tra i cespugli la coperta che poi aveva attirato l'attenzione dell'aquila. Atalanta crebbe all'inizio con gli orsi e poi con i cacciatori, trascorrendo una vita libera e selvaggia, lontana dalle comodità, diventò giovinetta. Diventò un'abilissima ed instancabile cacciatrice. Non voleva saperne dell'amore e delle fantasie che questo sentimento ispira. Atalanta venne conosciuta in tutto il regno, la giovinetta in una battuta di caccia aveva ucciso un terribile cinghiale che infestava il regno e terrorizzava le persone. Molti principi provenienti da ogni parte,si erano invaghiti di lei e avevano chiesto la sua mano.<<Sposerò chi saprà battermi nella corsa>> rispondeva Atalanta. Era infatti così leggera ed agile che nella corsa poteva considerarsi imbattibile e con questo stratagemma era riuscita ad evitare le nozze. Un giorno si presentò Melanione deciso a tentare l'impresa. Il giovane aveva conosciuto Atalanta anni addietro e se n'era invaghito. Forse ella pure ne era innamorata ma, a causa della sua avversione per gli uomini, non se ne rendeva conto. Il giorno della gara era accorsa la folla delle grandi occasioni, gli sguardi erano rivolti verso Melanione, lui era alto e biondo con gli occhi allegri e vivaci, avevano il colore del mare. Atalanta con i suoi neri capelli avvolti in una treccia,attendeva il segnale, bella come sempre nella sua corta tunica bianca. Come già era accaduto nelle altre occasioni, concesse al pretendente il vantaggio di partire per prima. Preferiva inseguire e recuperare in velocità. Quando il giudice con la sua voce solenne finì di illustrare il tragitto da percorrere, la competizione ebbe inizio. Dalla piazza, la strada si inerpicava per un sentiero contorto fin sulla collina dove svettavano i pini con le loro sagome maestose. Poi,dopo un'ampia curva, il sentiero degradava dolcemente tra i cespugli fino a riaffacciarsi nella piazza, dove il giudice attendeva sulla linea del traguardo. Al segnale di partenza, Melanione scattò veloce verso la collina e prese un immediato vantaggio sulla fanciulla. Leggera come sempre, Atalanta gli era alle spalle ed egli già sentiva il suo respiro mentre il distacco accumulato diminuiva a vista d'occhio. Fu allora che il giovane pretendente mise in atto il piano che gli aveva suggerito Afrodite:<<Durante la corsa getta per terra queste tre mele>> aveva detto la dea dell'amore<<E riuscirai a battere Atalanta.>>. Prima di essere raggiunto, Melanione frugò nella tunica e seminò lungo il tragitto le tre mele d'oro. Esse rotolarono nell'erba e rotolando mandarono un riverbero che colpì la fanciulla. Come dimenticata della competizione Atalanta, si fermò a raccogliere le tre mele e perse istanti preziosi. Quelle non erano mele comuni;erano frutti stregati che provenivano dal giardino delle Esperidi (era un giardino dove abitavano le ninfe figlie di Atlante e dove cresceva l'albero delle mele d'oro), e avevano un richiamo al quale nessuno poteva sottrarsi. Raccolte le mele, Atalanta si gettò alla rincorsa di Melanione per recuperare il tempo perduto. Troppo tardi per Atalanta, il giovane la precedette di un soffio nel varcare il traguardo. Atalanta scoppiò in un pianto dirotto, avvertiva uno strano sentimento per quel giovane, non aveva barato con se stessa, aveva corso con tutte le sue forze ed era stata sconfitta. Ora piangeva e non sapeva se era un pianto di dolore per la sconfitta subita o se erano lacrime di gioia per quel sentimento d'amore che per la prima volta provava.