I CRETESI


POSIZIONE GEOGRAFICA

Creta è un'isola del mar Egeo ed è situata a sud della terraferma greca. Ha una forma stretta e lunga e separa il mar Egeo dal mar Libico.
L'isola di Creta si presenta ricca e rigogliosa di vegetazione.
L'isola era divisa in quattro zone distinte:
ad ovest CHANIA, con la città principale di Cydonia;
al centro-ovest RHETIMNO, con città come Knossos;
al centro-est IRAKLIO, con la città Phaistos;
ad est LASHITI con città Kato e Zakro.
L'isola di Creta deteneva il controllo di tutto il commercio, al punto che vennero costruiti molti centri, privi di mura difensive, in varie località del Mediterraneo.




external image File?id=dff832c7_14nw38t3f4_b




LA CIVILTA' CRETESE

La civiltà cretese (detta anche "civiltà minoica") si sviluppò nel II millennio al 1400 a.C nell'isola di Creta, dove gli scavi archeologici, in epoca moderna, hanno portato alla luce testimonianze rilevanti di questa civiltà. Knosso e Festo,si dividevano il territorio dell'isola, che venne poi unificato sotto il dominio di Knosso.
La civiltà cretese si basava prevalentemente sull'agricoltura, grazie al fertile suolo dell'isola che produceva olio, grano e vino in abbondanza, e sul commercio marittimo.
Era un'isola fertile dove si coltivavano grano, orzo e una cospicua varietà di spezie, come la menta, il sesamo e il finocchio selvatico, vi crescevano gli ulivi e i fichi. Le api davano un ottimo miele, lo zucchero del mondo antico, che sin dalla preistoria serviva a dolcificare cibi e bevande. L'allevamento del bestiame forniva pelli, latte e formaggio.
I cretesi acquistavano rame, stagno, oro, argento, avorio; le materie prime venivano lavorate dagli artigiani locali e spesso riesportate sotto forma di prodotti finiti. La loro abilità commerciale era famosa quanto quella degli abitanti di Biblo e di Ugarit.


PERIODO STORICO

La civiltà cretese, fiorì all'inizio del II millennio a.C.
Essa fu scoperta principalmente attraverso il lavoro dell'archeologo britannico Arthur Evans.
La posizione geografica dell'isola favorì il sorgere della prima civiltà mediterranea e di un fiorente impero marittimo che dal mar Egeo controllava una rete commerciale che raggiungeva l'Egitto, la Siria, le regioni a nord del mar Nero e l'Occidente. Si parla di "talassocrazia", cioè dominio sul mare.
La più antica attestazione di abitanti su Creta sono i resti di ceramica neolitica risalente approssimativamente a 7000 a.C.
Possiamo suddividere il Neolitico in due diversi periodi, uno iniziale Neolitico Aceramico ed uno finale Neolitico Ceramico.


AVVENIMENTI

-2000 a.c : Nascita Urbana e palaziale. Nascono centri abitati come Cnosso, che si trovava nella parte centrale di Creta, e Festo che era situata nella parte meridionale dell'isola nella piana della Messarà. In questo periodo nascono anche le dimore reali differenziate da quella dei cittadini. Queste nuove strutture non avevano fortificazioni, che in seguito crollarono, forse per un forte terremoto.

-1700 a.C : affermazione dell'impero commerciale

-1400 a.C: Creta non resiste all'invasione dei Micenei, il grande palazzo di Cnosso venne distrutto e non fu più costruito.

Erano conosciuti ovunque come commercianti e marinai. I palazzi più importanti erano Cnosso, Mallia e Triada.
Si possono distinguere tre fasi: fase palaziale, neopalaziale e micenea.



RELIGIONE


La religione cretese era di tipo mitologico, come quella degli antichi Egizi.
Oggetto di un culto particolare era il toro, considerato il simbolo di fertilità.
Ne sono testimonianza non solo i molti oggetti che rappresentano questo animale, ma anche una delle leggende più note del mondo antico: il mito del Minotauro.
L'importanza della donna a Creta è provata soprattutto dal ruolo che essa aveva nel campo religioso. Le più importanti divinità cretesi, infatti, erano figure femminili, come la dea della fertilità o “dea madre”.
Come si può osservare dalla statuetta, essa era rappresentata con i caratteri femminili evidenziati, probabilmente perché veniva considerata simbolo della fertilità dei campi e di ogni forma di vita.


external image File?id=dff832c7_8gdqw92f3_b


TRADIZIONI E CULTURA


I palazzi sono i tipi di costruzione più noti scavati sull'isola, erano edifici monumentali abitati a scopi amministrativi. Erano spesso a più piani, con scalinate interne ed esterne, pozzi, colonne massicce, magazzini e cortili.
Le pareti dei palazzi cretesi erano splendidamente decorate con affreschi dai colori vivacissimi che mostrano scene gioiose della vita quotidiana, nella quale la natura ha un posto di tutto rilievo. Sulle pareti del palazzo di Cnosso sono affrescate processioni religiose o scene di donne che partecipano a feste.
La taurokatharpsia, o tauromachia, era una tradizione che si svolgeva nelle corti centrali dei palazzi. Giovani uomini e donne, che lavoravano in squadra, cercavano a turno di afferrare le corna di un toro alla carica e di fare una capriola sulla sua schiena.



external image File?id=ddgj3d35_7cwq5t5cf_b



external image File?id=dff832c7_7drmthpcq_b




ABBIGLIAMENTO

Gli uomini minoici indossavano perizomi e kilt, mentre le donne, abiti a maniche corte e gonne ornate con increspature e pieghettature. Queste erano aperte all'ombelico permettendo così al seno di rimanere esposto, forse durante le occasioni cerimoniali. Le donne potevano anche indossare un corsetto aderente senza spalline, il primo indumento aderente noto nella storia. Deve essere ricordato comunque, che altri tipi di vestiti possono essere stati indossati, dei quali non si hanno per ora testimonianze.


external image File?id=dff832c7_92nf7g75r_b



ALIMENTAZIONE

Attorno al 1900 a.C. sorgono a Creta i primi palazzi. Durante questo periodo si allarga nell’isola la coltivazione delle valli fertili e si gettano le basi di un’economia diversificata, fondata sui commerci marittimi e su un florido artigianato.
Per quanto riguarda l’alimentazione possiamo affermare che i Cretesi si alimentavano di pere, sorbe, corbezzoli, asparagi selvatici e cicorie amare.
Ruolo centrale nella preparazione dei cibi spettava alle donne che, azionando una macina, polverizzavano ogni sorta di legume.
Anche in questa civiltà traspare il divario tra ricchi e poveri.
I ricchi mangiavano farinate d’orzo condite con lardo ed olio d’oliva.
In occasione delle feste erano soliti preparare delle crostate di carni e formaggi, ricoprendoli con farina.
La dieta cretese era per lo più vegetariana. Questo viene evidenziato dall’elevata quantità di verdure che essi consumavano. Preparavano dolci fatti prevalentemente a base di semola grossa, di fichi freschi e secchi, di mandorle e di semi di melone e di zucca.
Sulle loro tavole non mancava il vino.

external image File?id=dff832c7_11fs632dgk_b
external image File?id=dff832c7_10cs92x8ht_b

ECONOMIA

La civiltà cretese si basava prevalentemente sull'agricoltura, grazie al fertile suolo dell'isola che produceva olio, grano e vino in abbondanza, e sul commercio marittimo. Dotata di una potente flotta e governata da sovrani amici fra loro, Creta godeva di prosperità e pace che, grazie anche ad un florido commercio con altre città della Grecia, dell'Egitto e della Siria, le consentirono di arricchirsi.


ORGANIZZAZIONE POLITICA

Era basata su una serie di regni a scarsa estensione, governati da re amici tra loro. Spesso il re assumeva un aspetto particolare (WANAX) e si dedicava alle stesse attività dei propri sudditi, come agricoltura, pastorizia, artigianato.


ORGANIZZAZIONE SOCIALE

La società cretese aveva al vertice un re, affiancato da una classe sacerdotale, solo il sovrano e i sacerdoti avevano un appezzamento di terra. I fenomeni naturali venivano spiegati e affrontati, con credenze animistiche e riti propiziatori.
La popolazione viveva in numerosi villaggi e in una decina di città costruite in prevalenza lungo le coste, come Cnosso, Mallia e Gournità. Le città cretesi erano prive di mura, forse perchè il mare proteggeva gli isolani da pericoli esterni e rari erano i conflitti interni. Nelle città più importanti sorgevano i palazzi che, oltre ad essere la residenza del re, erano anche il centro delle attività economiche, con i loro grandi magazzini per la raccolta del cibo, le botteghe artigianali.


SCRITTURA

La scrittura deriva da quella greca. La civiltà cretese presenta una scrittura cuneiforme denominata "lineare A", che, a differenza della scrittura "lineare B" micenea, non è stata ancora decifrata. Una testimonianza di questa scrittura è la tavoletta di Festo.


external image File?id=ddgj3d35_6k2vdwcc5_b